sabato 5 gennaio 2008

Noi, uomini duri (Garfagnana 2001)

La BOEEEERDIN Press & Company (Nicola Bertin per Google e i suoi amici) vi offre :

L'ultima avventura del Cesso Team


Prologo :

il BOEEEERDIN, il MAAARTIN e il PETRUZ decidono di passare Pasqua e Pasquetta esplorando la Garfagnana in moto, dormendo sotto le stelle.
Sennonché tra il polso di MAAARTIN, tra l'ammortizzatore della moto di PETRUZ, tra il tempo che si preannuncia non troppo amichevole, si decide di andare in macchina. Allora come quarto incomodo scende in campo CAYMAN, che subito si informa sulle cime della Garfagnana. Il giorno dopo, quando MAAARTIN incontra il BOEEEERDIN gli fa : "ho una notizia buona e una cattiva."
"Qual'è quella buona ?"
"Viene il CAYMAN."
"E quella cattiva ?"
"Viene il CAYMAN"

La storia :

Intanto le previsioni del tempo gettano infausti presagi sulla due-giorni dei nostri.
In questa situazione essi si danno appuntamento a casa del BOEEEERDIN alle 6.30 di domenica 15 aprile dell'anno del Signore 2001. MAAARTIN non sente la sveglia e siamo già tutti mezz'ora in ritardo. Il sole strizza l'occhio agli eroi.
Via, si parte, rigorosamente x strade statali, ufficialmente x ammirare la campagna veneto-emiliana ma in realtà x risparmiare i soldi dell'autostrada. Dopo 5 ore di semafori, curve e controcurve i nostri giungono all'Accoglienza Visitatori del Parco dell'Orecchiella, a 1200 m di altezza. Già il sole se n'è andato. Il cielo è coperto e un vento gelido spazza la zona.
I nostri raccolgono il minimo indispensabile, come la colomba pasquale penzolante dallo zaino del BOEEEERDIN, e si avventurano sul sentiero Airone3.
Dopo un'oretta di cammino gli intrepidi si concedono una sosta x rinfrancarsi : pan biscotto, salame e cabernet. Pieni di alcool, affrontano il sentiero che ora si fa più duro, e la neve che comincia a diventare importante. Per attenuare il riverbero della pur timida luce su quelle distese di neve, BOEEEERDIN e CAYMAN indossano gli occhiali scuri.
Cammin, cammina, gli eroi incontrano i primi tratti di neve ghiacciata. Il BOEEEERDIN comincia a incontrare qualche difficoltà dato che, avendo sottovalutato lo spirito di masochismo del CAYMAN, si è portato gli scarponi slick, che non gli danno il grip necessario ad affrontare i ghiacciai. Per nulla spaventato, il BOEEEERDIN mette in campo la sua proverbiale tenacia e il suo coraggio, e affronta caparbiamente uno x uno questi tratti pericolosi, fino ai 1800 m della Bocca di Scala.
Nuvoloni densi e scuri invadono ormai il cielo. I nostri decidono di accamparsi nei pressi di un rifugio chiuso, dove però trovano un muro che li ripara dal vento gelido, un caminetto e un fazzoletto di prato privo di neve dove piantare la tenda.
Mentre BOEEEERDIN sorveglia la situazione, MAAARTIN, CAYMAN e PETRUZ raccolgono legna dal faggeto appena sotto di loro. Intanto BOEEEERDIN con il fornello marocchino fa sciogliere la neve nella pentola per cuocere la pasta.
Tra il fuoco scoppiettante e il pastone al pesto gli eroi ricominciano a vivere. Restano incollati al camino fino alle 23, dove bevono, fumano, mangiano e sparano cazzate a raffica. PETRUZ è già in coma da un po', MAAARTIN brucia mezzo scarpone sul fuoco, BOEEEERDIN i guanti. Finalmente i nostri decidono di andare a dormire. L'orologio del PETRUZ segna -2°C. Abbigliamento del BOEEEERDIN x la notte : 4 magliette militari, 2 di lana con le maniche lunghe, dolcevita, maglione di cotone, giacchetta senza maniche, maglione di lana grosso, doppia calzamaglia, doppio paio di calzini, jeans, sciarpa, berrettone ROSSIGNOL, giacca, coperta e sacco a pelo ESTIVO di SCORZA, spesso 5mm...
Inizia la notte. Accanto al PETRUZ, il BOEEEERDIN sogna di essere in segheria. Del MAAARTIN, spunta fuori solo il naso. Ogni tanto qualche spiffero gelido fa risvegliare gli intrepidi. Quando si risveglia il PETRUZ, finalmente si può ascoltare il rumore del silenzio, e qualche animale notturno.
A un certo punto qualcuno avverte un ticchettio sinistro sulla tenda : nevica. Troppo stanchi x esultare o per esercitarsi nell'arte fine della saracca, gli eroi continuano imperterriti il loro meritato riposo.
Primo a svegliarsi, BOEEEERDIN valuta la situazione : i lati della tenda sono tutti bagnati, e l'acqua comincia a filtrare. I sacchi a pelo di CAYMAN, PETRUZ e MAAARTIN sono tutti bagnati lì dove sono stati a contatto con la parete della tenda. C'è poi un'amara verità : avendo eroicamente portato all'asciutto gli scarponi dei compagni d'avventura, il BOEEEERDIN ha dovuto lasciare i suoi accanto alla tenda, e ora se li ritrova zuppi.
Sotto la neve che continua a scendere, variando solo per intensità, i nostri fanno colazione, preparano gli zaini e si avviano sulla strada del ritorno. Il BOEEEERDIN, sprezzante delle difficoltà, indossa felice i suoi scarponi annacquati e si avvia in testa al gruppo. Attraversano faggeti spogli ricoperti di neve in un'atmosfera un po' spettrale e quantomeno suggestiva. Scendendo, la neve diventa pioggia ma per fortuna sempre più fine, fino a quando smette.
A un certo punto il CAYMAN, che la mattina aveva rinunciato di malavoglia a scalare Monte Vecchio, propone di attaccare almeno la Pania di Corfino. BOEEEERDIN obietta che non ha senso scalare un monte quando poi non ci si vede a un palmo di naso. Il gruppo allora si divide. CAYMAN e MAAARTIN vanno alla Pania, PETRUZ e BOEEEERDIN proseguono lungo il sentiero, concedendosi una ricca sosta di contemplazione in mezzo al bosco. Giungono all'auto alle 14.45. CAYMAN e MARTIN giungeranno un'ora e mezza più tardi, dopo aver inondato di residui organici il bosco. BOEEEERDIN si contenterà invece di infestare il bagno dell'Accoglienza Visitatori.
Gli eroi decidono di fare uno spuntino sulla terrazza panoramica di Corfino, dove riescono stranamente a farsi notare, con rumori e odori molesti.
Infine ripartono direzione Padova, scegliendo un itinerario di strade sempre più interne, che gli permette di rimirare le bellezze della campagna veneto-emiliana.
Tra S.Giovanni e Cento passa alla guida il BOEEEERDIN, imprimendo nuovo ritmo al viaggio, dato che il MAAARTIN è ormai alla frutta. Infatti infila come birilli un paracarro dopo l'altro, con la consueta eleganza.
Appena passato Monselice i compagni d'avventura celebravano la loro cultura dibattendo sulla questione palestinese, e sulla questione della Giustizia. Il CAYMAN esprimeva tutto il suo sdegno nei confronti delle forze dell'ordine. Proprio in quel mentre il paracarro davanti alla Punto degli eroi frena, rallenta, riparte, frena, si ferma in mezza alla strada. Il BOEEEERDIN, con la consueta prontezza, lo infila senza esitare, ma appena passato, i caramba lo spalettano con energia. BOEEEERDIN accosta incerto. "Ce l'avevano con me ?" I compagni lo esortano a ripartire. Subito un lampeggiante azzurro chiarisce le idee. MAAARTIN espone tutta la sua esperienza nei rapporti con le forze dell'ordine, istruendo il BOEEEERDIN. PETRUZ allora incita il MAAARTIN ad occuparsi lui della questione. MAAARTIN allora interviene con la sua esperienza e la sua saggezza, al che il caramba gli fa : "non so se tornate a casa stasera, ragazzi...". MAAARTIN zittisce all'istante. BOEEEERDIN, vista la mala parata, prende in mano la situazione e si immola sull'altare della patria, e patteggia con il caramba una multa x attraversamento di linea continua. BOEEEERDIN avrebbe preferito almeno una guida pericolosa, come trofeo da vantare sulla patente, ma due conti con il portafoglio vuoto lo fanno desistere dal partire sgommando dal covo dei caramba.
BOEEEERDIN prosegue fino a Padova facendo bene attenzione a non superare oltre i 5 Km/h il limite consentito e infila soltanto un paio di rossi x dispetto.
I reduci sono a Padova verso le 22.30. Tappa da PETRUZ, poi CAYMAN (che lascia la tenda nella macchina del MAAARTIN), infine BOEEEERDIN, il quale trova la casa infestata da adolescenti intenti in un festin bueo. Pensieri criminali sfiorano le menti ormai annebbiate del MAAARTIN e del BOEEEERDIN. Poi, mentre MAAARTIN se ne sta andando, arriva il caro amico LUCIANO, che ha voglia di chiacchierare. Stoicamente, il nostro trova la forza per non mandarlo a cagare immediatamente, e gli concede ben 15 minuti. A quel punto il BOEEEERDIN, esausto (e anche un po' incazzato) spazza a forza di calci nel culo il piano superiore, si infila in doccia e poi a nanna.

Epilogo :

La mattina, appuntamento del BOEEEERDIN con la bilancia : -1.5 Kg.
Buono, BOEEEERDIN.
Infine, ora che finalmente vede il sole, mette ad asciugare tenda, sacco a pelo e ammennicoli vari.

Vostro amatissimo BOEEEERDIN

2 commenti:

luca ha detto...

si...decisamente...cominci a passare troppo tempo davanti ai blog...

Danielina ha detto...

Che a volerti regalare un navigatore satellitare avrei paura a mortificare lo spirito dell'avventura...