giovedì 17 agosto 2017

La percezione del Potere

di Nicola Bertin

Esistono diversi tipi di potere. In moltissime canzoni è celebrato il potere dell'amore. Ma esiste anche un potere della forza fisica, uno dato dall'intelligenza, il potere del denaro, della bellezza, della persuasione, della politica, delle armi.
Esiste anche un potere personale, che viene dal profondo di ognuno di noi e nessuno ce lo può togliere.
Quale che sia il potere a cui vi riferiate, ogni individuo ha la necessità di sperimentare un qualche tipo di potere, di sentire che la propria presenza ha un impatto nel mondo intorno a sé. Citando il filosofo Friedrich Nietzsche, potremmo dire l'essere umano è un animale che ha bisogno di significato. Il potere permette all'essere umano di sentire che la propria presenza è significativa, ha un valore nell'economia generale dell'universo.

Una delle sensazioni peggiori che si possono sperimentare è infatti sentirsi powerless "senza potere". Ecco alcuni esempi di momenti in cui è possibile sentirsi senza potere:
Il partner che amo se ne va. L'azienda che mi dà lavoro mi lascia a casa. Mio figlio fa quello che vuole e non mi ascolta. Sono molto di fretta e trovo il semaforo rosso. Un rapinatore mi minaccia con un coltello. Sono ad una festa e nessuno si accorge di me. Scrivo un bellissimo post su facebook e non ricevo nemmeno un like. Sto partendo per le vacanze e mi si rompe l'auto. Sto parlando in pubblico e la gente sbadiglia annoiata. Sono alla cassa del supermercato e il bancomat non funziona. Cerco di scrivere qualcosa per un romanzo o una relazione e non mi viene in mente niente. E' tutta la vita che non riesco ad avere buoni rapporti con mia madre. Soffro una malattia che sembra incurabile. La morte di una persona cara.

Analizzando gli esempi sopra citati possiamo osservare che si tratta di aspettative, desideri, bisogni che vengono frustrati o delusi. In questo casi, il potere può essere percepito come ciò che sta in mezzo tra quello che vogliamo e la sua realizzazione o la mancanza di potere può essere percepita come un ostacolo superiore alle risorse che abbiamo a disposizione per ottenere quello che desideriamo.
C'è anche un altro aspetto interessante nell'uso del potere nelle relazioni. A volte, in una discussione animata, la capacità di esprimere il proprio punto di vista e gestire le proprie emozioni non è sufficiente per sfuggire alla sensazione di impotenza e frustrazione. In quel caso è possibile che emerga un'altra parte di noi che usa un potere diverso, più legato alla natura animale dell'uomo, aggressivo, violento, fortemente determinato.
Il Potere è legato a qualcosa di viscerale. Citando Arnold Mindell "Ognuno diventa agitato o violento se viene fortemente ignorato, marginalizzato e lasciato solo nella disperazione." (Conflicts: Phases, Forums, and Solutions, p38).

Nella Psicologia orientata al Processo, si parla di Rango come la somma dei privilegi di un individuo, che dipende dalle sue caratteristiche sociali e personali, all'interno di un determinato contesto. Il direttore di un'azienda, per esempio, all'interno del contesto aziendale ha sicuramente un rango superiore dell'impiegato appena assunto. A un rango alto è associato molto potere, a uno basso, poco.
I tipi di Rango sono, secondo la suddivisione di Julie Diamonds:
Rango Sociale. Dipende da quanto un individuo si identifica o è visto come parte di un gruppo dominante nella società. I fattori che lo determinano possono essere, per esempio, razza, genere, età, ricchezza, nazionalità, religione, orientamento sessuale, salute, educazione, lingua.
Rango Strutturale. Dipende dalla gerarchia dentro un gruppo o un'organizzazione. Possono essere posizioni come direttore, impiegato, presidente, dipendente, con il potere legato alla posizione. La gerarchia può essere anche nascosta o non esplicita, come in una famiglia o un gruppo di conoscenti.
Rango Psicologico. E' il senso di sentirsi centrati, sicuri di sé stessi. E' connesso alla consapevolezza, l'auto-conoscenza e l'autostima. Il Rango Psicologico supporta l'abilità di esprimersi anche di fronte a grandi poteri sociali. Aiuta ad essere fluidi nella relazione in molte situazioni e a tollerare la tensione senza cadere a pezzi.
Rango Spirituale. E' un senso di sentirsi connessi a qualcosa di divino o trascendente che permette di rimanere centrati anche in mezzo a un terribile conflitto. E' indipendente dalla cultura, dalla famiglia e dal mondo. Viene dalla sensazione di essere "dalla parte giusta" e da a queste persone grande convinzione.

Il Rango e, quindi, anche il Potere
- è qualcosa che viene in buona parte - percepito -. E' possibile solo in parte misurarlo perché dipende in buona parte dalla percezione unica dell'individuo.
- dipende dal contesto.
- è perlopiù inconsapevole.
- dipende dalle risorse che siamo in grado di attivare o sviluppare.
- ha anche una forte influenza sulla salute fisica e psicologica di un individuo. Studi su fasce di popolazione negli Stati Uniti dimostrano che chi ha un rango più basso, rispetto a chi a un rango più alto, ha un'aspettativa di vita più bassa e una maggior disposizione a contrarre alcuni tipi di malattie.

Sviluppare capacità di comunicazione e gestione delle emozioni può cambiare la percezione del Potere e prevenire la degenerazione dei conflitti in conflitti violenti.
Sviluppare consapevolezza del proprio Rango può prevenire fenomeni di abuso e migliorare significativamente l'autostima e la relazione con sé stessi e gli altri.
Il modo in cui usiamo il nostro Potere dipende da come lo percepiamo. Il motivo principale per cui si fa un cattivo uso del proprio Potere è sentirsi deboli. Avere un alto rango e sentirsi deboli è la condizione più favorevole all'abuso di Potere.

Julie Diamonds, coach, consulente di leadership e autrice del libro Power: A User’s Guide. Nel video qui sotto parla, accanto all'intelligenza emozionale e all'intelligenza sociale, di power intelligence come di una competenza che permetta un'uso proprio e consapevole del Potere. "Alla fine della giornata" sostiene Julie "quello che conta è il proprio potere personale."

Le cinque regole del potere secondo lei sono
1. Il Potere è una sensazione, non un fatto.
2. E' più facile sentire di avere poco potere piuttosto che sentire l'influenza positiva di un ruolo di grande potere.
3. Il contesto mette in discussione il Rango sociale.
4. Il Rango sociale, dato che dipende dal contesto, è estremamente fragile.
5. Il Potere Personale è ciò che legittima il potere della posizione per avere veramente un effetto e far accadere le cose.

giovedì 10 agosto 2017

La Facilitazione Interiore

di Nicola Bertin.

"Interiore ed esteriore vanno assieme. Politica e lavoro interiore quotidiano non sono separabili. Non si può muovere una critica al mondo senza essere disposti a guardare il mondo di cui siamo portatori, l'universo composito della nostra stessa persona." Arnold Mindell

Il mondo interiore si specchia in quello esteriore. Il modo in cui gestiamo i nostri conflitti interiori, le nostre emozioni, la nostra autostima ha una profonda influenza sulle relazioni con gli altri e il modo in cui gli altri ci vedono.
Cosa comanda dentro di noi, cuore o ragione ? I nostri bisogni come individuo o la necessità di essere accettati dagli altri ? Il senso di responsabilità o il bisogno di libertà ? Come troviamo, se lo troviamo, un equilibrio dentro di noi ?
Dalla risposta a questa domanda dipendono anche le relazioni che viviamo, come affrontiamo i conflitti con gli altri, al lavoro, a casa, nel mondo, come ci sentiamo in gruppo, il senso di realizzazione personale, il senso di autostima, la capacità di leadership. Trovare un equilibrio interiore, una mediazione, una facilitazione tra i bisogni delle diverse parti di noi permette non solo di sentirci meglio con noi stessi ma permette di sviluppare la consapevolezza necessaria a trovare un equilibrio nel mondo esteriore. Per esempio, tra i nostri bisogni e quelli delle persone che ci circondano, a casa o al lavoro. Permette di sviluppare più facilmente empatia e comunicare meglio.

Nella facilitazione interiore si vanno ad esplorare le principali parti di noi: la parte più adulta, quella più legata all'infanzia, quella più spirituale, quella mediatrice, per scoprirne le caratteristiche e i bisogni e come le diverse parti comunicano tra di loro. Useremo il canale visuale per identificare le parti e osservare le dinamiche. Infine cercheremo di portare la consapevolezza acquisita nella vita di tutti i giorni.

martedì 8 agosto 2017

I cinque benefici della facilitazione

Questo post è un estratto di un articolo di Valerie Patrick originalmente pubblicato nel The Competent Collaborator e poi ripreso nella rubrica Coffee Break di Beatrice Briggs per IIFAC e tradotto in italiano da Nicola Bertin.

Questi cinque benefici chiave della facilitazione si basano sui servizi di facilitazione offerti dal Hayes Group e Kinharvie Institute.

Beneficio #1: la Facilitazione migliora i risultati delle riunioni. Migliorare i risultati delle riunioni è un modo per aumentare il rendimento degli investimenti nelle riunioni. L'investimento di una riunione è dato dalla somma dello stipendio per unità di tempo moltiplicato per il tempo di ciascun individuo presente alla riunione. Il rendimento dell'investimento è il valore monetario che i risultati della riunione consentono rispetto all'investimento per una riunione. Pertanto, migliorare i risultati delle riunioni in modo che i risultati della riunione consentano azioni che portino valore all'organizzazione è un modo per migliorare il ritorno sugli investimenti.

Beneficio #2: la Facilitazione migliora l'efficienza delle riunioni. Migliorare l'efficienza delle riunioni significa prendere meno tempo per raggiungere un dato insieme di risultati e ridurre le dimensioni degli investimenti necessari per ottenere un certo ritorno.

Beneficio #3: la Facilitazione gestisce professionalmente il comportamento disfunzionale del gruppo. A volte non hai scelta su chi deve essere coinvolto in una riunione. Il comportamento disfunzionale di un individuo in un gruppo può aumentare drasticamente il tempo di una riunione. Inoltre, il comportamento disfunzionale di un individuo in una riunione può ostacolare gli sforzi per produrre valore. In poche parole, il comportamento disfunzionale in una riunione è il nemico del ritorno sugli investimenti da quella riunione.

Beneficio #4: la Facilitazione consente al leader di partecipare al lavoro di gruppo. Tipicamente, i leader che assumono facilitatori non solo comprendono il valore della collaborazione per stimolare l'innovazione e produrre il cambiamento necessario, ma sono anche loro stessi grandi collaboratori. I facilitatori professionali non si impegnano nel lavoro di gruppo perché hanno bisogno di rimanere concentrati sulla conduzione del processo per raggiungere gli obiettivi concordati dell'incontro.

Beneficio #5: la Facilitazione guida il gruppo alla responsabilità. Gli incontri facilitati a livello professionale sono altamente interattivi. Il contenuto viene generato dai partecipanti stessi. Inoltre, riunioni professionalmente facilitate restituiscono dei risultati che promuovono azioni informate a seguito della riunione. Con la generazione di contenuti, i partecipanti "si giocano la pelle" e affrontano volentieri i passi successivi associati ai risultati delle riunioni.